Che fatica far la nanna! Consigli per affrontare i disturbi del sonno.pdf

Che fatica far la nanna! Consigli per affrontare i disturbi del sonno PDF

Vitalia Murgia

Nei primi mesi di vita di un bambino, spesso i neo-genitori si trovano a dover gestire i disturbi del sonno del loro piccolo, che causano disagio allintera famiglia. È importante però affrontarli subito dopo il loro esordio, per arrivare più facilmente a una soluzione. In questa guida pratica, lautrice offre consigli e suggerimenti sui comportamenti da adottare. È fondamentale identificare gli atteggiamenti che hanno favorito linsorgere del problema e, con laiuto del pediatra, mamma e papà sceglieranno la strategia più adatta a loro e al bimbo. In molti casi linsonnia infantile è dovuta a comportamenti errati e quindi la soluzione vera è di tipo educativo. Occorre infatti adottare regole specifiche per una buona igiene del sonno, e soprattutto applicarle con costanza e coerenza.

Ecco alcuni semplici rimedi ai disturbi del sonno nei bambini. ... del sonno, più o meno frequenti: bimbi che fanno fatica ad addormentarsi, bimbi che di ... su come affrontare i disturbi del sonno nei bambini e come far tornare la nanna ...

9.25 MB Dimensione del file
9788898881420 ISBN
Che fatica far la nanna! Consigli per affrontare i disturbi del sonno.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.caprotection.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Che fatica far la nanna! - Consigli per affrontare i disturbi del sonno, fa parte della collana "La salute naturale del mio bambino", l a nuova collana di Aboca che offre un valido aiuto ai genitori alle prese con i piccoli problemi di salute dei loro bambini. Ogni notte i bimbi (tutti i bimbi) vengono cullati, coccolati, portati nel lettone, riportati nel loro letto e magari anche rimproverati. Il sonno è legato a mille variabili e non esiste la ricetta giusta, adatta a tutti per ogni occasione. La nanna va affrontata a livello di sistema familiare.

avatar
Mattio Mazio

Le migliori offerte per Nanna in Medicina e Salute sul primo comparatore italiano. Tutte le informazioni che cerchi in un unico sito di fiducia. Chi cerca, Trovaprezzi!

avatar
Noels Schulzzi

Il momento della nanna è un percorso delicato da affrontare giorno dopo giorno senza forzature, per crescere insieme al proprio bambino, senza fossilizzarsi su rigidità o luoghi comuni. Non è vero, infatti, che il pianto da sonno è soltanto un capriccio. 5 consigli per fare la nanna con il Metodo Montessori 1. Gentilezza e fermezza insieme Costruire il rito della nanna. È importante stabilire una routine che accompagni il bambino al sonno. Si può fare un bagnetto, cantare o ascoltare musica tranquilla, leggere una storia, fare le coccole. Il bambino assocerà pian piano queste attività alla quiete e al riposo e si predisporrà al sonno notturno. Ambientarsi nel lettino

avatar
Jason Statham

La pedagogista Grazia Honegger Fresco, allieva di Maria Montessori, nel suo libro "Facciamo la nanna" fornisce ai genitori consigli preziosi per abituare i piccoli a fare la nanna. Si tratta di un metodo "dolce" basato sui ritmi naturali del bambino, sulla sua esigenza di essere consolato, ma anche sull'importanza di dargli dei giusti limiti. Questo provoca un grande rischio per le vie respiratorie che possono restringersi o collassare. Spesso accade a causa dell’invecchiamento che limita la capacità degli impulsi nervosi di mantenere la struttura del collo rigida durante il sonno. Il fumo; anche questa è una causa comune per chi sviluppa la sindrome dell’apnea notturna.

avatar
Jessica Kolhmann

Il momento della nanna è un percorso delicato da affrontare giorno dopo giorno senza forzature, per crescere insieme al proprio bambino, senza fossilizzarsi su rigidità o luoghi comuni. Non è vero, infatti, che il pianto da sonno è soltanto un capriccio. 5 consigli per fare la nanna con il Metodo Montessori 1. Gentilezza e fermezza insieme Per il primo anno di vita, o almeno per i primi sei mesi, è bene che i piccoli dormano nella stessa stanza dei genitori; questo non solo aiuta la gestione delle poppate notturne, ma previene anche la SIDS, la sindrome della morte in culla. È consigliabile, dunque, posizionare la culla o il lettino nella camera matrimoniale, in modo da avere